Come scegliere il parquet

La scelta di un pavimento in legno

Il parquet o “pavimento in legno” si impone ora come una importantissima scelta, finalizzata non solo ad abbellire un’abitazione o a renderla “più accogliente e calda”, ma anche a conseguire un giusto rapporto estetico con altre finiture, come: serramenti, scale, ecc.

È indispensabile perciò ricevere le conoscenze più appropriate, onde evitare possibili errori e incongruenze, nonché incomprensioni, a posteriori.

Alle tradizionali pavimentazioni, sempre in auge e validissime, realizzate nelle forme tipiche: (tavolette fornite di incastri e doghe provvisti di incastri) o classicheggianti (es. quadrotti artistici, ecc), si sono aggiunte ora le più moderne pavimentazioni, date da doghe o pannelli, condiderate “prefinite”, in quanto non necessitano più di finiture operate sul posto dopo la posa in opera, come la levigatura, la ceratura o la verniciatura. Tali doghe o pannelli “prefiniti”, muniti di incastri laterali, piallati e verniciati in fabbrica, vanno a competere con pavimentazioni realizzate con materiali di diversa natura, per le quali non sono previste attese “di finitura”.

Sono ormai la necessità del vivere attuale!
La possibilità di sostituire in tempi assai brevi una precedente pavimentazione, logoratasi nel tempo oppure non più gradita, comporta una decisione quasi obbligata verso una “pavimentazione prefinita”.

Pur sembrando di facile collocazione in opera, richiede tuttavia sempre l’opera di un abile esperto parchettista.

Per lo più realizzate su supporti più o meno stratificati, dati da essenze legnose tenere (considerate giustamente “meno nobili”, rispetto alla stratificazione in vista, per la quale si è utilizzato il legno più pregiato), si devono ritenere poco efficienti dal punto di vista tecnico; tecnicamente più valide si devono perciò considerare le pavimentazioni prefinite eseguite in legno massiccio od aventi eventualmente come supporto un’ unica stratificazione massiccia (ancorché di qualità secondaria) della stessa essenza legnosa utilizzata per la faccia un vista.

A concludere questa presentazione è opportuno ricordare come l’evoluzione tecnologica, servendosi di dispositivi ai “laser”, consenta ora di realizzare, in modo rapido e preciso, opere di intarsio, una volta riservati ad esperti artigiani: realizzazioni industriali queste, che richiamano o si ispirano al passato. Ma quasi a contrapporsi alle moderne tecnologie, ecco ancora una rivincita del mondo artigianale: ispirandosi all’arte bizantina del “mosaico lapideo”, ecco le prime apparizioni del “mosaico ligneo”. Praticamente di tratta di pannelli decorativi da inserire nelle comuni pavimentazioni.

Come scegliere il parquetultima modifica: 2015-09-21T01:35:36+02:00da contattarossi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento